Maggio Rodigino 2024


Venerdì 19 aprile, ore 11.00

Conferenza stampa di presentazione della edizione 2024 del Maggio Rodigino

Presso il Salone d’Onore, Palazzo dei Notari, sede del Comune di Rovigo


Sabato 18 maggio, ore 18.00

STORIE NEMICHE

Presso la Pescheria Nuova

L’Accademia di Concordi nell’ambito delle manifestazioni per il Maggio Rodigino propone la presentazione e la discussione su un tema di straordinaria importanza, le storie di donne, scritte e raccontate da giornaliste non solo del Veneto: Storie nemiche.

Storie nemiche è un’antologia, edita da Booktribu a novembre 2023, composta da dieci racconti scritti da dieci giornaliste.

Le professioniste che hanno partecipato a questa antologia, lavorano o hanno lavorato in testate giornalistiche, chi seguendo la cronaca nera, chi la giudiziaria, chi la politica. Alcune di loro sono anche scrittrici e saggiste.

Ci sono fatti di cronaca che, più di altri, non ti abbandonano anche dopo che li hai scritti o la vicenda giudiziaria si è conclusa, a volte dimenticata.

I racconti di Storie nemiche nascono da un’impressione, un fatto che è rimasto in qualche modo incistato sottopelle in ciascuna delle giornaliste. La fantasia e la rielaborazione personale, poi, sono andate oltre la cronaca per incontrare la sensibilità e la volontà di narrare.

Alcune giornaliste hanno dato un taglio letterario al racconto, altre hanno preferito restare più aderenti al fatto di cronaca. Tutte hanno scritto di storie nemiche, in cui spesso il nemico dorme nello stesso letto oppure non ha volto perché potrebbe essere un gruppo, un’aula di tribunale o una catastrofe naturale.

Tra i dieci racconti, ci sono anche storie di donne, nei confronti delle quali solo negli ultimi anni, nei media, è stato avviato uno sforzo culturale, linguistico e concettuale affinché, prima di tutto, si scriva nel rispetto della dignità della persona, abbandonando un linguaggio violento, sommarie sintesi, grevi slogan e facili giustificazioni. Il Manifesto di Venezia, sottoscritto nel 2017, è stato il punto di partenza per questa rivoluzione nell’approccio a fatti che vedono le donne protagoniste e vittime di episodi di cronaca su cui spesso si specula tra la pruderie e la banale colpevolizzazione.

L’antologia raccoglie il lavoro di professioniste dell’informazione che hanno dimostrato di porre uno sguardo umano più forte di facili stereotipi con cui liquidare i fatti cronaca.

Le storie nemiche non sono mai storie individuali, non sono fatti di altri, ma appartengono a tutti noi perché accadono nella nostra società dove il socius, allora, dovrebbe essere il compagno, l’alleato, la persona accanto a cui non è dato restare indifferente.

Le dieci giornaliste: Monica Andolfatto, Rita Bartolomei, Valentina Calzavara, Nicoletta Canazza, Loredana Del Ninno, Valentina Furlanetto, Elisa Guidelli, Anna Martellato, Cristina Rufini, Germana Urbani.

La pubblicazione sotto l’egida del Sindacato dei giornalisti del Veneto, Associazione polesana della stampa e dell’Ordine dei giornalisti è stata curata da Riccarda Dalbuoni, giornalista professionista. La prefazione è di Annalena Benini, giornalista e direttrice del Salone internazionale del Libro di Torino per il triennio 2024-2026.