Come sostenerci


L’Accademia dei Concordi e la sua promozione culturale a favore del territorio vengono sostenute soprattutto da istituzioni pubbliche e private sulla base di progetti presentati e approvati riguardanti, particolarmente, il mantenimento e il funzionamento della biblioteca e della pinacoteca, la manutenzione e la gestione dei palazzi accademici. Attraverso tali vie, si garantisce pure l’apertura gratuita e giornaliera dei servizi e delle varie attività a favore dei bambini, degli studenti, degli studiosi e della cittadinanza in genere.

L’Accademia può essere sostenuta anche attraverso donazioni o lasciti. D’altronde, nel corso dei secoli, essa ha potuto contare sull’illuminata sensibilità di importanti personaggi locali quali il Conte Giovanni Francesco Casilini, il Conte Pietro de Silvestri e il Commendatore Albano Gobbetti, che hanno donato preziose collezioni di dipinti e opere d’arte.

Seguendo l’esempio di questi illustri concittadini e di molti altri che nel corso del tempo hanno contribuito ad accrescere il patrimonio dell’Accademia dei Concordi (tra questi possiamo citare Maria Nagliati, Maria Felicita MattarelloGiovanni Federspil e Gian Antonio Cibotto), è possibile donare somme di denaro, beni mobili e immobili, quadri e oggetti d’arte in genere.

Come fare? Attraverso la destinazione del “5×1000”, le donazioni e i lasciti testamentari, nonché grazie all’opportunità dell’Art Bonus, come di seguito viene spiegato.